Come avere piante ben idratate d’estate grazie alla microirrigazione

Le fioriture del Momento
2 Luglio 2017
Prato-To do list
Prato e giardino: cosa fare prima di partire per le vacanze
2 Agosto 2017

Come avere piante ben idratate d’estate grazie alla microirrigazione

Microirrigazione

Con il clima afoso e l’aumento delle temperature, le tue piante possono essere seriamente compromesse dalla poca idratazione. Un buon sistema di microirrigazione potrebbe essere una soluzione ecologica ed economica al problema. Ne parliamo in questo articolo…


 

Siccità, riscaldamento globale ed effetto serra incidono a ridurre le riserve di acqua potabile a disposizione per noi e per le nostre coltivazioni. Per questo le piante hanno bisogno di assorbire molta più acqua. Ciò permette di mantenere una temperatura equilibrata a livello della superficie fogliare esposta al sole.

Per garantire una corretta idratazione durante tutto il periodo vegetativo puoi intervenire con bagnature di soccorso. Ciò ti aiuterà a non far morire le tue amate piante e ad evitare danni irreparabili.

Potrai aiutarti anche con delle bottiglie di plastica capovolte riempite di acqua, che apporteranno ad ogni tua pianta una corretta idratazione. Oppure potrai scegliere sistemi tecnici e tecnologici chiamati microirrigazione, che ti permetteranno di abbassare notevolmente il consumo di acqua, energia e conseguentemente di risparmiare tempo, risorse e di abbattere i costi.

La microirrigazione può funzionare in qualsiasi luogo, può essere istallata direttamente sul tuo terrazzo o in balcone, in giardino o all’interno della tua abitazione.

In base alle tue esigenze e per avere delle piante ben idratate d’estate potrai scegliere una microirrigazione temporizzata, scandita in modo regolare nel tempo, oppure potrai optare per l’irrigazione a goccia, che apporta in modo automatico la giusta quantità di acqua attraverso il gocciolamento.

Ma come funziona il sistema di microirrigazione?

Il meccanismo di funzionamento dei sistemi di microirrigazione è semplice.
Con un tubo, detto capillare, si porta l’acqua direttamente alle radici della pianta, passando attraverso il corpo irrigante o ugello. Il tubo capillare si inserisce nel tubo collettore, che a sua volta viene comandato da una centralina automatica.
Ciò significa che potrai assentarti da casa o andare in vacanza, lasciando che la centralina si attivi per bagnare le piante al tuo posto.

In commercio esistono diversi sistemi di microirrigazione, dai più semplici e automatici a quelli più tecnologici. Questi ultimi sono collegabili via bluetooth o wi-fi al tuo smartphone o tablet e ti consentono di seguire in tempo reale l’andamento dell’irrigazione delle tue piante anche quando non sei a casa.

 

Vuoi saperne di più? Contattaci qui per maggiori informazioni oppure passa direttamente in negozio, il nostro personale qualificato saprà darti tutti i consigli necessari .


Credit foto: http://www.claber.com